VIVIBORGARELLO.IT

EU Cookie Law

Informativa
Vertenza Edilcommercio «Niente operai, si chiude» Stampa
Dopo le dimissioni in massa dei vecchi dipendenti, l’azienda non trova personale La proprietà: nessuno vuole lavorare qui. Il sindacato: spiegazione poco credibile

di Giovanni Scarpa, 23 aprile 2014

CERTOSA. Edilcommercio chiude definitivamente. La nuova proprietà della storica azienda di Certosa, già di fatto inattiva dall’ottobre dello scorso anno, non è riuscita trovare nuovi operai per poter proseguire l’attività, dopo le dimissioni in massa i dipendenti. «In questi mesi abbiamo venduto all’ingrosso e non più al dettaglio – spiega il nuovo amministratore, Marino Albè –.

Ma non siamo riusciti a trovare personale disposto a venire a lavorare qui. Intanto abbiamo già chiesto il concordato preventivo e ora stiamo aspettando». Edilcommercio, quasi sicuramente, sparirà anche dalla provincia di Pavia. «Una volta terminata tutta la procedura, ci sposteremo nel Bresciano – rivela l’imprenditore mantovano che aveva rilevato la fabbrica – perchè lì abbiamo i clienti più importanti». Fine delle storia, dunque, per un’azienda fra le più conosciute ed importanti nel settore edilizio.

«E’ stata azienda leader per quarant’anni sul nostro territorio e non solo – spiega il vice sindaco, Giorgio Brazzo –. Una storia imprenditoriale esemplare. I primi proprietari erano riusciti a fondare un impero. Alla Edilcommercio si vendeva dal chiodo al grosso macchinario. Fa tristezza, ora, vederla desolatamente vuota senza più nessuno, nemmeno un impiegato».

Poi vari passaggi di proprietà e una storia gloriosa finita, nel 2010, nelle aule di tribunale con un milione e mezzo di euro di merce di magazzino sparita. Per bancarotta fraudolenta il giudice condannò a quattro anni ciascuno i due ex amministratori della Edilcommercio Spa. Dopo quel passaggio doloroso, una nuova speranza si era accesa con l’acquisizione della ditta da parte dei nuovi imprenditori. Ma dopo poco, nuovi problemi. Stipendi non pagati per mesi, difficoltà gestionali, avevano portato i 10 dipendenti della nuova società a dare le dimissioni in blocco. Inutile la battaglia sindacale per cercare di trovare un compromesso. L’imprenditore mantovano che aveva rilevato Edilcommercio, però, non si era dato per vinto. L’intenzione era quella di trovare nuovo personale e andare avanti lo stesso, facendo tornare Edilcommercio ai vecchi splendori di un tempo. Ma questo non è successo. E nelle settimane scorse ha dovuto gettare anche lui la spugna, chiedendo il concordato preventivo, cioè la procedura concorsuale attraverso la quale l'imprenditore ricerca un accordo con i suoi creditori per non essere dichiarato fallito.

«Non conosco nei dettagli la vicenda, ma è possibile che se si sparge la voce, soprattutto in un posto piccolo, che ci sono problemi a pagare gli stipendi la gente non vada – spiega Luigi Marozzi, segretario provinciale della Fillea Cgil –. Certo, con la “fame” di lavoro che c’è adesso sembra strano non trovare nessuno disposto ad andare a lavorare alla Edilcommercio. Di sicuro una persona va a lavorare perchè si aspetta un salario. Oggi molti lavoratori, che magari vengono da altre situazioni difficili, non vogliono più rimanere scottati. Purtroppo sono moltissime le aziende in difficoltà e il giorno di paga magari slitta. Ma non si può andare a lavorare senza sapere se e quando ti daranno lo stipendio».

«Non credo a questa versione – è invece il commento di Gildo Comerci (Cisl Fisascat) che aveva seguito la vertenza precedente –. Edilcommercio è arrivata al capolinea. Per questo chiude».

La Provincia Pavese, 23 aprile 2014


Visualizzazioni: 1130

  Commenti (1)
Azz sento Valleverde in arrivo
Scritto da Paola Savoia, il 29-04-2014 12:05
Perdincibacco, acciderbolina e ora che abbiamo un area industriale dismessa davanti a Borgarello sarà un attimo impiantarci la Valleverde è sempre colpa degli operai che non vogliono lavorare??? 
 
Se non fosse vomitevole potrei riderci sopra :x

Scrivi Commento
  • Si prega di inserire commenti riguardanti l'articolo.
  • Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc.
  • Se ti imbatti in commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone, avvisaci utilizzando l'apposito link Segnala che trovi in basso a destra ad ogni commento.
Nome:
Titolo:
Commento:



Codice:* Code

Powered by AkoComment Tweaked Special Edition v.1.4.6
AkoComment © Copyright 2004 by Arthur Konze - www.mamboportal.com
All right reserved

RocketTheme Joomla Templates