VIVIBORGARELLO.IT

EU Cookie Law

Informativa
Riorganizzazione Ubi Banca Fiba: “Piano penalizza territori e lavoratori” Stampa
www.bergamonews.it, 15 ottobre 2014

Dopo l'annuncio della ridefinizione della rete distributiva del gruppo Ubi, che determinerà la chiusura di 114 punti operativi, con 1.277 esuberi di cui 500 entro quest'anno e un centinaio in Bergamasca, arriva la replica della Fiba Cisl che giudica negativamente un piano che penalizza i lavoratori e i territori:  Il gruppo UBI, con informativa sindacale del 14 ottobre, ha avviato una procedura di riorganizzazione denominata “Tensioni occupazionali”, in un’ottica di “miglioramento del livello di competitività”, per “uno sviluppo organico del Gruppo in un’auspicabile prospettiva di ripresa reddituale, produttiva e commerciale”.

Le motivazioni con cui il Gruppo giustifica l’intervento sono di contesto (crisi economica e finanziaria, prospettive negative, erosione della marginalità del settore, innovazioni tecnologiche). Tra le leve d’intervento che il Gruppo intende adottare è prevista una razionalizzazione della rete di filali con la chiusura di 55 filiali e 59 minisportelli e la riqualificazione di 54 filiali in minisportello, alcuni interventi sul modello di filiale (con relative ricadute sugli inquadramenti e sui percorsi professionali), 500 esuberi di personale da gestire entro il 31 dicembre 2014 e ulteriori 777 esuberi (per un totale di 1.277 unità full time equivalent), il ricorso al distacco infragruppo, l’adozione di misure di mobilità territoriale, il “riposizionamento professionale” (demansionamento?!).

Siamo consapevoli che lo scenario attuale e le prospettive richiedano alle aziende di credito di adeguare il proprio modello organizzativo e di business alle mutate esigenze dei mercati di riferimento. Tuttavia riteniamo assolutamente inadeguata una politica aziendale volta esclusivamente al contenimento del costo del lavoro, che chiede continuamente sacrifici ai lavoratori (economici ed organizzativi, a causa della carenza d’organico), che abbandona alcuni territori presidiati storicamente dalle aziende del Gruppo, e che non investe nell’offerta di quei servizi innovativi proposti proprio nella piattaforma di rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro dalla Fiba e dalle altre organizzazioni sindacali per il rilancio del settore.

Per questi motivi valutiamo negativamente il piano presentato, che sarà discusso nell’ambito della procedura sindacale che partirà a breve.


Visualizzazioni: 915

  Lascia il primo commento!

Scrivi Commento
  • Si prega di inserire commenti riguardanti l'articolo.
  • Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc.
  • Se ti imbatti in commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone, avvisaci utilizzando l'apposito link Segnala che trovi in basso a destra ad ogni commento.
Nome:
Titolo:
Commento:



Codice:* Code

Powered by AkoComment Tweaked Special Edition v.1.4.6
AkoComment © Copyright 2004 by Arthur Konze - www.mamboportal.com
All right reserved

RocketTheme Joomla Templates