clicca

 

VIVIBORGARELLO.IT

Raccolta fondi per
dona
Comune di Borgarello
Contatta
Eventi settimanali
filieraminima.png
Massolini S.N.C.
Contatta
L'ESPERTO RISPONDE
Contatta
ORARI AUTOLINEE
Linea t175

I VOSTRI COMMENTI

re
Se sono partiti da Giovenzano alle 8.00 e sono arrivati a Casarile alle 9,15 cosa c entra il semaforo di Borgarello forse il giornalista era ubriaco :...
20/11/17 Leggi tutto...
By mario

Contenti noi
I programmi elettorali delle due liste presenti alle scorse elezioni esprimevano la volontà di acquistare o tutelare la villa come bene per la comuni...
11/10/17 Leggi tutto...
By Dodo

ragazzini maleducati
Buongiorno volevo avvisare che il paese è pieno di ragazzini maleducati (e non dico altro) che rompono tutto sopratutto dove c'è la pensilina, stanno...
11/10/17 Leggi tutto...
By Borgarellese

Forever young
Abbiamo disturbato ? Spero di no Al di la del "bene pubblico rovinato", che non condivido. Siamo stati tt giovani e potrebbe essere utile approfondi...
11/10/17 Leggi tutto...
By Pippo Cambieri

Giovani che disturbano? L'ha voluto la nostra amministrazione. Un bene pubblico rovinato. Bravi!
01/10/17 Leggi tutto...
By Io pure

Contento lui
Secondo me con qui soldi poteva migliorare o creare altre cose a borgarello ......Non tutti i cittadini condividono la sua scelta comunque é stato bra...
01/10/17 Leggi tutto...
By Franca

Gas Fest
Buonasera, come gruppo di acquisto solidale di Burgare' chiediamo anticipatamente scusa per l'eventuale disturbo arrecato ai vicini di Parco durante l...
28/09/17 Leggi tutto...
By Pippo Cambieri

Davvero
Ma chi l'avra' fatto ? Quei giovani che disturbano la sera..e pare che domenica prossima sara' wnche peggio. Forse c'e' qualche manifestazione che dis...
27/09/17 Leggi tutto...
By Anche io

Auser
Ma avete visto come hanno conciato l'Auser? Ma perchè non lo hanno fatto a casa loro?
27/09/17 Leggi tutto...
By IO

semaforo
Utile il semaforo, sopratutto quando inizieranno le nebbie, però le strisce sopra le buche non si possono vedere.... asfaltare è troppo difficile.
19/09/17 Leggi tutto...
By BorgaBoy

IL METEO

Click per aprire http://www.ilmeteo.it

EU Cookie Law

Informativa

Gli eventi da non perdere:

No Latest Events
Il terremoto potrebbe non creare danni né vittime Stampa
di Samanta Di Persio*, 29 agosto 2016

Il 7 aprile del 2009 il blog di Beppe Grillo mi raggiunse telefonicamente per capire che cosa fosse successo a L’Aquila. Ricordo perfettamente una sensazione: nei 20 secondi in cui la terra aveva tremato aveva spazzato via passato, presente e futuro.

Lo smarrimento era totale. Una lunga marcia di persone iniziò a fuggire dalla città per dirigersi verso la costa, fu inevitabile a quel punto chiedere ricovero agli hotel. Nonostante lo sciame sismico che da mesi scuoteva la città, la notte del terremoto, eravamo tutti impreparati. Dopo qualche settimana la Casaleggio Associati mi chiese di scrivere un libro, una raccolta di testimonianze. Per un mese e mezzo lavorai senza sosta perché avevo l’obiettivo di diffondere quante più informazioni possibili affinchè i crolli, i morti dell’Aquila potessero essere evitati. A settembre uscì “Ju tarramutu, la vera storia del terremoto in Abruzzo”, la prima critica fu una speculazione sul terremoto. Quindi gli speculatori non erano coloro che avevano costruito senza rispettare le norme, coloro che cambiavano i progetti delle abitazioni in corso d’opera, coloro che avevano risparmiato sul ferro, coloro che non avevano mai adeguato il piano regolatore. Il libro venne venduto a prezzo libero, molti lo hanno acquistato ad euro ZERO. Sarebbe potuto finire nelle librerie di Berlusconi, Bertolaso, Boschi, Gabrielli, Renzi, Delrio, Curcio il sindaco di L’Aquila, l’assessore alla ricostruzione ecc. Ma niente di tutto ciò: ad Amatrice, ma anche a L’Aquila perché la scossa è stata avvertita benissimo, si ripete lo stesso scenario di 7 anni e quasi cinque mesi prima. 
L’improvvisazione di una popolazione non preparata, ritardo nei soccorsi, crolli perché nessuno ha mai spesso un euro per adeguare gli edifici e, se sono stati spesi, la destinazione è stata per altro.

Nel libro è presente un decalogo, copiato pari a pari a quello giapponese, con sei punti focali per la prevenzione/organizzazione contro i terremoti:

- Informativa di prevenzione su larga scala (volantini, manuali, documentazione)
- Strutture preorganizzative e visibili di cartellonistica di percorsi di emergenza
- Pianificazione dettagliatissima delle evacuazioni post sisma
- Strutture globali (abitazioni, tubature cavi elettrici) antisismici
- Kit di sopravvivenza in uffici e case
- Esercitazioni cicliche antisisma

Tali banalità a L’Aquila non sono mai state attivate, anzi sono state individuate aree di raccolta dove, nella maggior parte di esse, non c’è nemmeno una fontanella. Ma non mi sono limitata ad indicare semplici regole che potrebbero salvare la vita ma anche le modalità per poter adeguare le abitazioni. Come abbiamo visto, anche ad Amatrice vi erano strutture in pietra con tetti in cemento armato, che in caso di forte scossa, schiacciano la struttura e di conseguenza uccidono. L’arch. Antonio Perrotti, nel 2009 ancora impiegato alla regione Abruzzo, spiegava, nella sua testimonianza presente in Ju tarramutu, che interventi sistematici e organici hanno dimostrato la loro efficacia:catene e reti, tetti alleggeriti, cerchiature insieme a reti in carbonio e nuove malte, ormai, possono dare grossi margini di sicurezza. In altri casi, invece, sono crollati edifici pubblici, dove c’è stato un intervento, ma restauri e ristrutturazioni sono stati fatti in base all’estetica formale e non alla tenuta statica.

Inoltre, dall’intervista del geologo Antonio Moretti, era emerso un quadro allarmante, ma una volta appreso, si poteva e doveva intervenire. Le grandi strutture sismogetiche che formano la dorsale appenninica del Centro Italia sono infatti: l'Appenino centrale (Collefiorito-Gubbio-Monti Reatini), l'Abruzzo (Aquilano-Marsica-Valle Peligna) e l'Appennino meridionale (Benevento-Irpinia-Vallo di Diano). Tutte queste strutture non sono indipendenti, ma in qualche modo collegate fra loro, come le tessere di un domino: marzo 1702 ci fu un terremoto a Benevento (X MCS), a gennaio 1703 ad Amatrice (X MCS), a febbraio nell'Aquilano (XI MCS), nel novembre 1706 a Sulmona e per finire nel novembre 1932 in Irpinia (XI MCS). La struttura si carica lentamente, roba di qualche millimetro ogni anno, poi, improvvisamente, si muove di qualche metro con grande rilascio di energia, e la deformazione così generata va a spingere sulle strutture accanto che piano piano si mettono in moto anche loro. Dunque, il rischio c’è e sappiamo perfettamente dove.

Solo l’emergenza terremoto per la sistemazione degli sfollati in tendopoli, alberghi, caserme è costata, a detta di Bertolaso, due miliardi di euro, se si fossero investiti in prevenzione? Nel 2013 avevo anche calcolato la spesa, fino ad allora, del post terremoto. Avevo calcolato che ogni nucleo familiare, 4.400, che alloggiava nel progetto case (le cosiddette new town) avrebbe potuto avere ben 180mila euro, dunque, se ognuno li avesse spesi per costruire una casa, probabilmente sarebbero anche avanzati. Ma la speculazione piace, piace prima di una tragedia ed ancora di più dopo.

*autrice del libro Ju Tarramutu, prima inchiesta sul terremoto che ha colpito L'Aquila nel 2009


Visualizzazioni: 684

  Lascia il primo commento!

Scrivi Commento
  • Si prega di inserire commenti riguardanti l'articolo.
  • Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc.
  • Se ti imbatti in commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone, avvisaci utilizzando l'apposito link Segnala che trovi in basso a destra ad ogni commento.
Nome:
Titolo:
Commento:



Codice:* Code

Powered by AkoComment Tweaked Special Edition v.1.4.6
AkoComment © Copyright 2004 by Arthur Konze - www.mamboportal.com
All right reserved

clicca
LIBERATORIA LEGALE

Questo Urban Blog è un servizio gratuito che fornisce ai navigatori della rete informazioni su cronaca e attualità: conseguentemente non può rappresentare una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità predefinita.

 
Non può, pertanto, essere considerato un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7 marzo 2001. I banner esposti non sono a pagamento. Nessun compenso, pertanto, percepiscono il gestore o gli autori delle pagine del sito.
 
L’Autore del sito non è responsabile dei commenti inseriti nei post o dell’utilizzo illegale da parte degli utenti delle informazioni contenute e del software scaricato ne potrà assumere responsabilità alcuna in relazione ad eventuali danni a persone e/o attrezzature informatiche a seguito degli accessi e/o prelevamenti di pagine presenti nel sito.
 
Eventuali commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone terze non sono da attribuirsi all’autore del sito, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Nei limiti del possibile, si cercherà, comunque, di sottoporli a moderazione.
 
Alcune immagini pubblicate (foto, video) potrebbero essere tratte da Internet e da Tv pubbliche: qualora il loro uso violasse diritti d’autore, lo si comunichi all’autore del sito che provvederà alla loro pronta rimozione.
 
Nei post di questo sito – laddove si riportano articoli di quotidiani o si attinge a siti Internet viene sempre citata la fonte di provenienza e l’autore dell’articolo. I post, invece, che sono espressione del pensiero del sottoscritto, vengono in ogni caso, regolarmente siglati unitamente agli altri articoli.
 
La riproduzione anche parziale dei contenuti di questo Urban Blog – materiale fotografico e video compresi – è consentita solo citando la fonte ed il relativo URL.

 

RocketTheme Joomla Templates