VIVIBORGARELLO.IT

EU Cookie Law

Informativa
«Il semaforo di Borgarello blocca la strada dei Giovi» Stampa
da La Provincia Pavese, 8 novembre 2017
 
Pendolari infuriati per le lunghe code dopo l’entrata in funzione dell’impianto «Ogni mattina quasi un’ora e mezza per arrivare da Giovenzano a Casarile». Partiti da Giovenzano alle otto, arrivati a Casarile alle 9,15. Un’ora e un quarto per percorrere circa 3 chilometri sull’ex statale dei Giovi. La protesta dei pendolari, questa volta, parte da Vellezzo. E ancora una volta, sul banco degli imputati, finisce il semaforo di Borgarello. «Un inferno da quando è entrato in funzione – raccontano alcuni utenti . L’immissione sulla 35 è diventata quasi impossibile fra le 7 e le 8 del mattino. E i rallentamenti si ripercuotono lungo tutta la tratta, fino oltre Binasco».
Troppi i semafori lungo l’ex statale, dicono i pendolari. Oltre all’ultimo arrivato (Borgarello, appunto) ce ne sono ben due a Certosa nel giro di qualche centinaio di metri. Poi c’è a Casarile. Infine a Binasco. Insomma, percorrere, in entrambi i sensi, la tratta Pavia-Milano è diventato un incubo per le corriere. Che, inevitabilmente, accumulano ritardi. Ieri mattina, in aggiunta, all’altezza dello svincolo con Samperone, si è aperta una profonda buca che ha contribuito non poco alla difficoltà di circolazione già caotica. Le condizioni delle strade, sopratutto dopo le piogge, sono da sempre il problema per eccellenza della rete viabilistica provinciale. Ma torniamo al semaforo di Borgarello. «La durata del semaforo è in media meno di un minuto – spiega la polizia locale –. A dire la verità, noi non riscontriamo grandi differenze rispetto al solito. C’è forse qualche problema in uscita da proprio da Borgarello, ma anche questo è relativo perchè anche prima era difficoltoso immettersi sull’ex statale dei Giovi. E il traffico, a quell’ora del mattino, c’è lungo tutta la tratta». Non è ancora entrato in funzione il sensore per la regolamentazione dei colori, spiega sempre la polizia locale di Borgarello, che dovrebbe in qualche modo rendere un po’ più fluido lo scorrimento della circolazione rispetto ad ora che invece le pause sono praticamente cadenzate tutte con lo stesso tempo, indipendentemente dal passaggio dei mezzi. 

Una protesta identica era scoppiata l’altra mattina, qualche chilometri più avanti. I pendolari di Binasco. Dove decine di pendolari, soprattutto studenti, da mesi non riescono a salire sui mezzi della Pmt per il sovraffollamento. Un peggioramento della situazione, però, è stato registrato in queste ultime settimane. In particolare, gli utenti registrano l’aumento dei ritardi con cui arrivano i pullman da Pavia, direzione Milano. E, stando a quando raccontato dagli stessi autisti dell’azienda di trasporto, il peggioramento della situazione – almeno in buona parte – sarebbe legato proprio all’installazione del nuovo impianti semaforico di Borgarello. Il sindaco di Binasco, Riccardo Benvegnù, ha chiesto all’agenzia dei trasporti verifiche sul percorso. (Giovanni Scarpa)

Visualizzazioni: 863

  Commenti (3)
re
Scritto da mario, il 20-11-2017 23:32
Se sono partiti da Giovenzano alle 8.00 e sono arrivati a Casarile alle 9,15 cosa c entra il semaforo di Borgarello forse il giornalista era ubriaco :zzz
Cosa c'entra il semaforo
Scritto da Giovi, il 22-12-2017 00:36
Giovenzano è dopo borgarello e dopo certosa quindi se ha impiegato così tanto sarà stato per altri motivi.
semaforo
Scritto da edera, il 22-12-2017 00:37
quante idiozie in questo articolo. 
Certosa ha 3 semafori, da li in poi la statale è un semaforo dopo l' altro non capisco perché il problema nasca solo per Borgarello. 
Certo più comodo sfrecciare come dei pazzi da Certosa a Pavia, incuranti delle macchine che dovevano stare ferme in mezzo alla strada in attesa del momento opportuno. 
stesso rischio con le auto provenienti da Pavia visto che tanti furboni pensavano bene di superare in prossimità dell'incrocio trovandosi di fronte l' auto ferma in mezzo alla strada in attesa di immettersi. 
Incrocio troppo pericoloso, c' è stato più di un incidente. Il semaforo è necessario, o dobbiamo aspettare la tragedia per capirlo?

Scrivi Commento
  • Si prega di inserire commenti riguardanti l'articolo.
  • Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc.
  • Se ti imbatti in commenti lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di persone, avvisaci utilizzando l'apposito link Segnala che trovi in basso a destra ad ogni commento.
Nome:
Titolo:
Commento:



Codice:* Code

Powered by AkoComment Tweaked Special Edition v.1.4.6
AkoComment © Copyright 2004 by Arthur Konze - www.mamboportal.com
All right reserved

RocketTheme Joomla Templates